venerdì

Provincia di Milano– Bando StartUp Venture

Trattasi di iniziative per le Start Up di non oltre 48 mesi, iscritte alla CCIAA di Milano volte a:
- agevolare l’accesso al credito e agli strumenti alternativi di finanziamento (fase 1)
- inserimento di personale qualificato (fase 2)
Vengono finanziati nell'ordine:
- Corso di formazione per la Pianificazione economico – finanziaria;
- Interventi per favorire l’accesso al capitale di rischio;
- Venture contest e selezione;
- Voucher per l’inserimento di un manager over 45 con un’alta qualifica (fase 2).
Per ulteriori informazioni contattaci e/o
Leggi/scarica la nostra scheda informativa

martedì

Lombardia – Made in Lombardy




AGGIORNAMENTO: AGEVOLAZIONE PROPROGATA

Scheda di sintesi agevolazione

PMI - Grandi Imprese Industria - Manifatturiero
Regione Lombardia
 
Fondo di Garanzia "Made in Lombardy"



Beneficiari:
Micro, piccole, medie e grandi imprese – in qualsiasi forma costituite - appartenenti al settore manifatturiero
(sono previste nel bando alcune esclusioni)

Le imprese devono avere sede operativa in Lombardia ed essere effettivamente operanti alla data di presentazione della domanda di intervento finanziario.
Tipologie di investimento ammissibili:
Programmi di investimento volti allo sviluppo competitivo, alla ricerca, all'innovazione, all'ammodernamento finalizzato all'innovazione di processo e allo sviluppo aziendale.


Spese ammissibili:

  • costi per impianti, macchinari, strumenti e attrezzature purché direttamente connessi all'attività di ricerca e sviluppo o alla produzione di nuovi prodotti, all'attivazione di nuovi processi produttivi o di sviluppo della capacità produttiva;
  • spese di deposito, conferma, acquisto di brevetti, licenze e know-how;
  • costi del personale di ricerca e sviluppo, del personale tecnico e di altro personale ausiliario, per le attività di ricerca e sviluppo svolte a valere sul programma di investimento;
  • costi dei servizi di consulenza utilizzati esclusivamente ai fini dell'attività di ricerca, solo se acquisiti all'esterno delle imprese beneficiarie;
  • costi per materie prime e componenti da impiegare nella fase di prototipazione, sperimentazione e collaudo del prodotto / processo sino ad un massimo del 5% del costo del programma di investimento ammesso;
  • spese generali ed altri costi di esercizio sino ad un massimo del 10% del costo del programma di investimento ammesso;
  • opere murarie ed impiantistiche per ristrutturazione ed ampliamento di fabbricati già esistenti entro il limite del 25% della spesa ammissibile sul programma di investimento.

venerdì

Contributi per l'adozione e creazione di Tecnologie Digitali

Dove:
Province di Cremona, Lecco, Lodi, Milano, Monza e Brianza, Pavia, Varese

A chi è rivolta:
Micro, Piccole e Medie Imprese

Cosa prevede:
Contributo a fondo perduto fino al 50% e fino ad un massimo di € 30.000 € per il:
- Sostegno a progetti per l’adozione di nuove tecnologie digitali (e-commerce, cloud computing, extended enterprise etc. etc.)
- Supporto alle imprese del settore ICT per la creazione di nuove tecnologie digitali basate sul paradigma dell’Internet of Things

Scadenza bando: ore 12:00 del 31/10/2012

Le domande di contributo dovranno essere presentate in forma telematica sul portale della camera di commercio di Milano.

Fonti: ww.regione.lombardia.it - www.mi.camcom.it

Per ulteriori informazioni:
Leggi /scarica la nostra scheda informativa














lunedì

Regione Veneto – Contributi per l’utilizzo strutture qualificate per l’attività di ricerca e ricercatori/tecnici


Le misure di finanziamento previste dal Bando sono:
  • Misura I: “Contributi alle imprese per il ricorso a strutture qualificate di ricerca”
  • Misura II: “Contributi per l’inserimento nelle imprese di personale qualificato di ricerca”

Beneficiari
Possono presentare la domanda per l’agevolazione i seguenti beneficiari: Per la Misura I Piccole e Medie Imprese (PMI), singole o associate in RTI create esclusivamente per la realizzazione dell’intervento e Grandi imprese (a determinate condizioni). Per la Misura II possono presentare domanda le imprese (piccole medie e grandi) singolarmente. Per ambedue le misure le imprese devono, tra gli altri requisiti, essere operanti in almeno uno dei seguenti macrosettori risultanti dalla visura camerale ordinaria:
  • C – attività manifatturiere;
  • E – fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento, limitatamente ai codici: 38 – attività di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti; recupero dei materiali 39 – attività di risanamento ed altri servizi di gestione dei rifiuti;
  • F – costruzioni;
  • J – servizi d’informazione e comunicazione;

mercoledì

Regione Lombardia - Fondo di rotazione per l'Internazionalizzazione (FRI)

Scheda agevolazione
Fondo di rotazione per l’ internazionalizzazione (FRI)
Regione Lombardia

Il FRI sostiene programmi di investimento realizzati da imprese lombarde in forma diretta o in joint-venture con altre imprese, con lo scopo di creare stabilimenti produttivi o strutture operative all’estero.

Beneficiari:

Micro, piccole e medie imprese lombarde (anche società cooperative e consortili) attive da almeno due anni nei seguenti settori:
a) manifatturiero (codice primario Ateco 2007 lett. C);
b) costruzioni (codice primario Ateco 2007 lett. F);
c) servizi alle imprese (codice primario Ateco 2007) operanti nei seguenti settori:
  • J 62 Produzione di software, consulenza informatica e attività connesse;
  • J 63 Attività di servizi d’informazione e altri servizi informatici;
  • M 70 Attività di direzione aziendale e di consulenza gestionale;
  • M 71 Attività degli studi di architettura e d’ingegneria; collaudi ed analisi tecniche;
  • M 72 Ricerca scientifica e sviluppo;
  • M 73 Pubblicità e ricerche di mercato;
  • M 74 Altre attività professionali, scientifiche e tecniche;
  • N78 Attività di ricerca, selezione, fornitura di personale;
  • H 52.10 Magazzini di custodia e deposito per conto terzi
  • H 52.24 Movimentazione merci
In caso di Società Consortile il requisito dell’operatività minima dei due anni, laddove non presente in capo alla società, può essere verificato in capo ad almeno i 2/3 dei soci.
E’ possibile presentare una domanda da parte di più imprese in caso di progetto che preveda la creazione di una new.co estera attraverso il conferimento congiunto da parte delle stesse imprese (c.d. “Progetto unitario”).

ISI INAIL 2011 - Incentivi alle Imprese per la sicurezza sul lavoro


Scheda sintetica

ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

Beneficiari:
Tutte le imprese, anche quelle individuali, iscritte alla Camera di Commercio 


Tipologia di Investimenti agevolabili (con le eccezioni previste dal Bando):
Interventi finalizzati al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
possono essere presentati:

  • Progetti di Investimento (ad es. macchinari, impianti, modifiche al layout, modifica strutturale impiantistica /ambienti di lavoro etc. etc.) relativi alla sicurezza
  • Adozione modelli organizzativi e responsabilità sociale.

Importo del contributo:
Il contributo in conto capitale pari al 50% dei costi del progetto ammissibili.
Il contributo massimo erogabile è pari a 100.000 euro.
Il contributo minimo erogabile è di 5.000 euro (per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e responsabilità sociale non sono previsti limiti minimi).

giovedì

CreditoAdesso - Iniziativa Finlombarda - Bei

CREDITOADESSO
INIZIATIVA FINLOMBARDA – BEI
Linea Generale

PMI – Manifatturiero – Servizi – Commercio all’ingrosso - Costruzioni  
Regione Lombardia

Beneficiari:
Micro, Piccole e Medie Imprese Lombarde iscritte al Registro Imprese e operative da almeno 24 mesi appartenenti ai settori:
MANIFATTURIERO (lett. C Codice ISTAT Primario – ATECO 2007)
SERVIZI ALLE IMPRESE - alcuni settori
COMMERCIO ALL’INGROSSO (escluso quello di autoveicoli e di motocicli) – alcuni settori
COSTRUZIONI (lett. F codice ISTAT Primario - ATECO 2007)
L’elenco dei soggetti/ settori ammissibili e dei soggetti esclusi è riportato nell’All.1 (in fondo alla presente scheda).

Tipologie di investimento ammissibili:
Uno o più ordini/contratti di fornitura di almeno complessivi 100 mila euro (al netto di IVA).
I singoli Ordini accettati o i singoli Contratti di fornitura devono essere antecedenti massimo 3 (tre) mesi alla data di presentazione della domanda di partecipazione. 

I singoli Ordini accettati o i singoli Contratti di fornitura devono essere inevasi
(la data prevista per la consegna dell’ultimo dei beni o per la prestazione dell’ultimo dei servizi devono essere successivi alla data di presentazione della domanda e  l’integrale consegna dei beni o l'integrale prestazione dei servizi non devono essere intervenute alla data di presentazione della domanda di partecipazione)