lunedì

Regione Lombardia – Frim StartUp


Scheda agevolazione
Regione Lombardia
Fondo di rotazione per l'imprenditorialità (FRIM) Regione Lombardia – Camera di Commercio di Milano 
Bando di Start up di imprese per i giovani, donne e soggetti svantaggiati


Beneficiari:
Micro Piccole Medie Imprese in possesso di uno dei seguenti requisiti:
  • imprese individuali con titolare giovane (18-35 anni), donna (senza limite di età) o soggetto svantaggiato (senza limite di età);
  • imprese familiari con titolari giovane (18-35 anni), donna (senza limite di età) o soggetto svantaggiato (senza limite di età);
  • società di persone con almeno i due terzi del totale dei componenti costituito da giovani e/o donne e/o soggetti svantaggiati;
  • società di capitali con almeno i due terzi del totale dei componenti costituito da giovani e/o donne e/o soggetti svantaggiati. I suddetti soggetti devono essere in possesso, inoltre, almeno di due terzi delle quote del capitale sociale.
Le imprese devono inoltre:
  • essere iscritte al registro delle imprese da non più di 12 mesi o, esclusivamente per la società di persone e di capitali, completare l'iscrizione entro e non oltre 90 giorni dalla presentazione della domanda;
  • avere sede operativa in Lombardia; il programma start up d'impresa deve essere realizzato nell'ambito del territorio della Regione Lombardia;

I titolari delle imprese ed i soci delle imprese dovranno essere residenti in Lombardia da non meno di 5 anni antecedenti la data di presentazione della domanda. Inoltre non possono partecipare imprese i cui soggetti risultino già titolari, alla data della presentazione online della domanda, di altre imprese attive.

L'agevolazione sarà concessa nei limiti del Regolamento della Commissione Europea n. 1998/2006 relativo all'applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato degli aiuti di importanza minore.

Sono esclusi i seguenti settori di attività cod. ATECO 2007: mini mercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari; commercio al dettaglio di articoli per adulti; commercio al dettaglio di altri prodotti non alimentari (non classificabile altrimenti); ristorazione ambulante e gelateria ambulanti; ristorazione su treni e navi;altre attività di telecomunicazione; noleggio di videocassette e dischi; attività riguardanti le lotterie, le scommesse e case da gioco; attività di organizzazioni associative; organizzazioni ed organismi extraterritoriali.
Sono esclusi i settori previsti dal Regolamento della Commissione Europea n. 1998/2006 relativi all'applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato agli aiuti di importanza minore.


Caratteristiche dell'investimento:
L'investimento deve essere avviato dopo la presentazione della domanda online e deve concludersi entro i 12 mesi successivi dalla data del decreto di concessione dell'intervento finanziario.
Spese ammissibili:
  • costi per adeguamenti tecnici ed impiantistici dell'immobile sede dell'attività nel limite massimo del 30% del programma;
  • acquisto di beni strumentali nuovi di fabbrica finalizzati all'avvio dell'attività quali attrezzature, macchinari, impianti (compresi quelli per il telelavoro, per la salute e la sicurezza del posto di lavoro), arredi;
  • costi di avvio di attività in franchising (fee d'ingresso). Tali costi potranno non potranno superare il 60% dei costi totali dell'investimento ammissibile;
  • spese di progettazione e realizzazione di un sito internet aziendale;
  • affitto di automezzi nuovi di fabbrica e strettamente necessari allo svolgimento del ciclo produttivo (sono esclusi mezzi per l'esercizio di attività di autotrasporto merci c/to terzi);
  • acquisto di attività preesistente dall'80% al 100% del programma di investimento a seconda delle caratteristiche;
  • licenze di sfruttamento economico, brevetti industriali, licenze di software;
  • costi sostenuti per garanzie nel limite massimo del 3% del programma di investimento ammissibile;
  • spese generali in misura forfettaria nel limite massimo del 5% del programma di investimento ammissibile.
Tali spese devono essere sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda e considerate al netto dell'Iva.

L'importo dell'intervento finanziario va da € 15.000,00 a € 40.000,00 per le imprese individuali o familiari e da € 15.000,00 a € 200.000,00 per società di persone o di capitali.


L'agevolazione prevede:
  • co-finanziamento a medio termine o locazione finanziaria di beni strumentali;
  • copertura dell'intervento finanziario: 100% dell'investimento ammissibile di cui il 70% quota Fondo Regionale ed il restante 30% quota intermediari bancari e finanziari convenzionati;
  • tasso di interesse: fisso nominale annuo a valere sulla quota Fondo Regionale pari al 0, 50%. Il tasso nominale annuo di interesse applicato alle risorse bancarie è convenzionato;
  • durata dell'intervento finanziario: da minimo 3 a 7 anni, di cui massimo 2 anni di preammortamento;
  • erogazione del finanziamento in una/due tranches;
  • periodicità rate / canoni: di norma semestrale per i finanziamenti e trimestrali per i leasing.
A copertura della quota di co-finanziamento a valere sul Fondo Regionale saranno richieste idonee garanzie di importo pari alla quota di finanziamento regionale. A sostegno della quota di intervento finanziario concessa dall'intermediario bancario o finanziario potranno essere da questo richieste idonee garanzie.


L'intervento finanziario è erogato in regime de minimis.


Note Operative:
La domanda di partecipazione al bando dovrà essere presentata online (http://www.regione.lombardia.it/ o https://gefo.servizirl.it) a partire dalle ore 9.30 di Lunedì 30 maggio 2011 e sarà disponibile fino ad esaurimento fondi.
Ciascun soggetto può presentare una sola domanda di partecipazione al bando e per un'unica forma tecnica di intervento finanziario (co-finanziamento a medio termine o leasing).
Non possono partecipare le imprese individuali o familiari i cui titolari risultino già titolari, alla data della presentazione della domanda, di altre imprese attive.

Il bando (con le singole specifiche Regionali) è pubblicato sul sito : www.mi.camcom.it

Fonte principale: Sito della Camera di Commercio di Milano: http://www.mi.camcom.it/


Disclaimer:
La presente scheda è stata redatta con la massima cura. Si ricorda comunque che fanno fede solamente i documenti ufficiali pubblicati dagli Enti Agevolanti e/o in Gazzetta Ufficiale.

Nessun commento:

Posta un commento