mercoledì

Credito in Cassa B2B – Sottomisura A - Smobilizzo di Crediti commerciali



Beneficiari:
Sono ammesse all’operazione le imprese che, alla data della presentazione della domanda:
  • siano una MPMI con sede legale e/o almeno una sede operativa in Lombardia, siano iscritte al registro delle imprese e risultino attive;
  • siano appartenenti ad uno qualsiasi dei settori di attività ATECO 2007 con esclusione del codice K “Attività finanziarie e assicurative”.
Sono fatte salve le esclusioni indicate ne bando
 
Tipologia Operazione:
L’agevolazione consiste in una Garanzia a favore degli intermediari per Linee di Credito concesse all’Impresa.
La garanzia:
  • è rilasciata a titolo gratuito;
  • copre l’ 80% del valore della Linea di Credito;
  • copre la parte del capitale, ad esclusione degli interessi;
  • ha una efficacia per una durata massima pari a 18 mesi meno un giorno.
 
La linea di credito, nuova o preesistente, deve avere una o più delle seguenti forme tecniche:
 
  • anticipo per operazioni di factoring;
  • anticipo su s.b.f.;
  • anticipo su fatture;
  • altri anticipi su effetti commerciali e finanziario indiretto;
  • finanziamento a fronte di cessione di credito effettuata ai sensi dell’art. 1260 c.c. 
Le Linee di Credito devono avere un importo minimo di €10.000 e un importo massimo di €1.500.000
 

Note Operative:
La domanda di partecipazione si può presentare esclusivamente on line sul sito https://gefo.servizirl.it sino alle ore 18.30 del 15 ottobre 2015.
 
 
Fonte: Sito internet Finlombarda S.p.A. (Ente Gestore) www.finlombarda.it
 

Disclaimer:
 
La presente scheda è stata redatta con la massima cura ma si ricorda che fanno fede solamente i documenti ufficiali pubblicati dagli Enti Agevolanti e/o in Gazzetta Ufficiale
 

lunedì

Regione Lombardia - Credito in Cassa

Cessione Pro Soluto dei Crediti v/Enti Locali


Beneficiari:
Sono ammesse all'operazione le Imprese che, alla data della presentazione della Domanda di Partecipazione:
·         abbiano sede legale o una o più Sedi Operative sita/e nel territorio della Regione Lombardia, almeno dalla data della Delibera (12 luglio 2013);
·         siano iscritte al registro delle imprese;
·         siano operanti in uno qualsiasi dei settori di attività di cui alla classificazione Istat– Ateco 2007.
Sono fatte salve le esclusioni indicate nell’Avviso Pubblico (bando).

Tipologia Operazione:
L’Operazione consente lo smobilizzo dei crediti ammissibili vantati dalle Imprese nei confronti degli Enti Locali, mediante cessione pro soluto e a titolo definitivo all’Intermediario degli stessi secondo le modalità previste dalla normativa vigente.

Crediti Ammissibili
Possono essere ceduti i crediti che hanno le seguenti caratteristiche:
·         scaduti, certi, liquidi, esigibili e non prescritti;
·         certificati secondo quanto previsto dalle disposizioni vigenti, con accettazione preventiva di successiva cessione a banche o intermediari finanziari;
·         di natura contrattuale, derivanti da contratti di lavori, servizi e forniture;
·         nella piena, esclusiva e incondizionata titolarità e disponibilità dell’Impresa;
·         un importo minimo di € 10.000 e massimo € 1.500.000

Certificazione
L’Impresa deve acquisire preventivamente gli Attestati di Certificazione (da allegare alla Domanda) con l’indicazione dell’accettazione preventiva di successiva cessione a banche o intermediari finanziari.


Corrispettivo della cessione
Per effetto della cessione del Credito Ammesso, la banca/intermediario corrisponderà all’Impresa, entro 20 (venti) giorni feriali dalla data di notifica della cessione all’Ente Locale, un ammontare pari all’Importo Unitario di Cessione, al netto di una Commissione.

L’Importo Unitario di Cessione risulta dagli Attestati di Certificazione e può essere costituito da uno o più crediti.

La Commissione è pari al tasso Euribor a sei mesi, incrementato di uno “spread” su base annua non superiore a 325 bps. Eccetto tale commissione, gli Intermediari non richiedono alle Imprese alcuna commissione e/o spesa in relazione all’operazione di cessione pro soluto.

Resta a carico dell’Impresa ogni altro onere connesso alla stipula del Contratto di Cessione del Credito, ivi incluse le spese notarili o eventuali diritti di segreteria. Nel caso di utilizzo del Notaio al posto dell’ufficiale rogante è prevista una riduzione dello “spread”.

Finlombarda presta la Garanzia FL senza oneri per l’Impresa.

Garanzia Finlombarda
Finlombarda presta la Garanzia a favore dell’Intermediario e nell’interesse delle Imprese.

Contributo aggiuntivo
A parziale ristoro della Commissione di cessione, Finlombarda attribuisce all’Impresa il Contributo nella misura pari a 75 (settantacinque) basis point in termini di minore onerosità dell’operazione di cessione pro soluto.

Note Operative:
L’agevolazione è a sportello ed è aperta fino ad esaurimento fondi.
La domanda deve essere inoltrata con procedura on-line esclusivamente attraverso la modalità informatica sul sito https://gefo.servizirl.it

Fonte: Sito internet Finlombarda S.p.A. (Ente Gestore) www.finlombarda.it


Disclaimer:
La presente scheda è stata redatta con la massima cura ma si ricorda che fanno fede solamente i documenti ufficiali pubblicati dagli Enti Agevolanti e/o in Gazzetta Ufficiale
Ultima verifica aggiornamento: 14 ottobre 2013

martedì

Regione Lombardia - Sostegno alle Reti di Impresa

Contributi a fondo perduto fino al 40% della spesa ammissibile.

Beneficiari:
Micro, piccole, medie imprese - in qualsiasi forma costituite - appartenenti a tutti i settori ad esclusione del settore agricolo e dei settori esclusi dalla normativa Europea.
Le imprese devono essere aggregate con la forma giuridica del "contratto di rete" (senza soggettività giuridica).
Il contratto di rete deve essere già stipulato al momento della presentazione della domanda di contributo.

Investimenti ammissibili:

Sviluppo e miglioramento di:
ü  funzioni condivise
ü  sistemi e strumenti integrati
ü  realizzazione di attività di servizio comuni
ü  sviluppo di nuovi business
 
Spese ammissibili:
ü  Costi di attrezzature, strumentazione, macchinari, impianti, materiali e lavorazioni esterne
ü  Costi per l’acquisto di software e hardware
ü  Costi per l’acquisizione di brevetti e diritti di licenza, costi per il deposito di brevetti e la registrazioni di marchi
ü  Costi per la presentazione di fidejussioni
ü  Spese notarili e di registrazione
ü  Consulenze tecniche esterne
ü  Costi relativi alla diffusione e promozione dell’innovazione introdotta dalla rete
ü  Costi del personale delle MPMI (Micro, Piccole e Medie Imprese) impegnate nel progetto
ü  Costi di consulenza esterna relativi alle attività del manager di rete
ü  Costi per la formazione del personale impegnato nel progetto

Agevolazioni e Contributi:
L’ agevolazione prevede un contributo in conto capitale, fino ad una misura massima del 40% della spesa ritenuta ammissibile.
La spesa ammissibile per partecipante non può essere inferiore a Euro 20.000.
La spesa ammissibile per progetto complessivo non può essere inferiore a Euro 75.000.
Il contributo concedibile non può in ogni caso superare l’importo di Euro 200.000 per progetto.

Termine di presentazione:
Entro le ore 12.30 di mercoledì 13 luglio 2013.

Leggi/scarica la nostra scheda informativa